Vangelo di venerd́ 15 febbraio 2019

Mc 7, 31-37
Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Gesù, uscito dalla regione di Tiro, passando per Sidòne, venne verso il mare di Galilea in pieno territorio della Decàpoli.
Gli portarono un sordomuto e lo pregarono di imporgli la mano. Lo prese in disparte, lontano dalla folla, gli pose le dita negli orecchi e con la saliva gli toccò la lingua; guardando quindi verso il cielo, emise un sospiro e gli disse: «Effatà», cioè: «Apriti!». E subito gli si aprirono gli orecchi, si sciolse il nodo della sua lingua e parlava correttamente.
E comandò loro di non dirlo a nessuno. Ma più egli lo proibiva, più essi lo proclamavano e, pieni di stupore, dicevano: «Ha fatto bene ogni cosa: fa udire i sordi e fa parlare i muti!».


Link di collegamento agli Uffici Pastorali del Patriarcato di Venezia

.: Caritas
.: Ufficio IRC Infanzia e Primaria
.: Ufficio per la pastorale del turismo
.: Ufficio per l'insegnamento Religione Cattolica
.: Coordinamento Pastorale Diocesano
.: Ecumenismo e Dialogo Interreligioso
.: Ufficio Diocesano Esercizi Spirituali - Oders
.: Evangelizzazione e Catechesi
.: Formazione Permanente del Presbiterio
.: Ufficio Liturgico
.: Ufficio Cooperazione Missionaria fra le Chiese
.: Pastorale Anziani
.: Pastorale della Cultura
.: Pastorale Giovanile
.: Pastorale della Salute
.: Pastorale Problemi Sociali e Lavoro
.: Pastorale Sposi e Famiglia
.: Pastorale Stili di vita
.: Pastorale Universitaria
.: Pastorale delle Comunicazioni Sociali

 

 


Vangelo di domenica 17 febbraio 2019

Lc 6, 17. 20-26
Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù, disceso con i Dodici, si fermò in un luogo pianeggiante. C'era gran folla di suoi discepoli e gran moltitudine di gente da tutta la Giudea, da Gerusalemme e dal litorale di Tiro e di Sidòne.
Ed egli, alzàti gli occhi verso i suoi discepoli, diceva:
«Beati voi, poveri,
perché vostro è il regno di Dio.
Beati voi, che ora avete fame,
perché sarete saziati.
Beati voi, che ora piangete,
perché riderete.
Beati voi, quando gli uomini vi odieranno e quando vi metteranno al bando e vi insulteranno e disprezzeranno il vostro nome come infame, a causa del Figlio dell'uomo. Rallegratevi in quel giorno ed esultate perché, ecco, la vostra ricompensa è grande nel cielo. Allo stesso modo infatti agivano i loro padri con i profeti.
Ma guai a voi, ricchi,
perché avete già ricevuto la vostra consolazione.
Guai a voi, che ora siete sazi,
perché avrete fame.
Guai a voi, che ora ridete,
perché sarete nel dolore e piangerete.
Guai, quando tutti gli uomini diranno bene di voi. Allo stesso modo infatti agivano i loro padri con i falsi profeti».

fonte: [ http://liturgia.silvestrini.org]