Vangelo di venerd́ 15 febbraio 2019

Mc 7, 31-37
Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Gesù, uscito dalla regione di Tiro, passando per Sidòne, venne verso il mare di Galilea in pieno territorio della Decàpoli.
Gli portarono un sordomuto e lo pregarono di imporgli la mano. Lo prese in disparte, lontano dalla folla, gli pose le dita negli orecchi e con la saliva gli toccò la lingua; guardando quindi verso il cielo, emise un sospiro e gli disse: «Effatà», cioè: «Apriti!». E subito gli si aprirono gli orecchi, si sciolse il nodo della sua lingua e parlava correttamente.
E comandò loro di non dirlo a nessuno. Ma più egli lo proibiva, più essi lo proclamavano e, pieni di stupore, dicevano: «Ha fatto bene ogni cosa: fa udire i sordi e fa parlare i muti!».


Link di collegamento agli Uffici Pastorali del Patriarcato di Venezia

.: Caritas
.: Ufficio IRC Infanzia e Primaria
.: Ufficio per la pastorale del turismo
.: Ufficio per l'insegnamento Religione Cattolica
.: Coordinamento Pastorale Diocesano
.: Ecumenismo e Dialogo Interreligioso
.: Ufficio Diocesano Esercizi Spirituali - Oders
.: Evangelizzazione e Catechesi
.: Formazione Permanente del Presbiterio
.: Ufficio Liturgico
.: Ufficio Cooperazione Missionaria fra le Chiese
.: Pastorale Anziani
.: Pastorale della Cultura
.: Pastorale Giovanile
.: Pastorale della Salute
.: Pastorale Problemi Sociali e Lavoro
.: Pastorale Sposi e Famiglia
.: Pastorale Stili di vita
.: Pastorale Universitaria
.: Pastorale delle Comunicazioni Sociali

 

 

Comunità Pastorale del Lido

 

Parroco moderatore: Iannotta don Giancarlo
Via Isola di Cerigo, 2
30126 Venezia-Lido


Tel. e Fax 041-5260072

- Alberoni
- Malamocco
- S. Antonio
- S. Ignazio
- S. Maria Elisabetta
- S. Nicolo'

 

 

“La Comunità pastorale - è un insieme di due o più parrocchie di un determinato territorio che collaborano tra di loro in modo organico e stabile. Essa è guidata da un Consiglio di Comunità, presieduto da un presbitero responsabile, con la presenza di altri presbiteri, diaconi, religiosi, religiose e laici impegnati a tempo pieno o a tempo parziale. Queste persone ricevono il mandato dal Vescovo e sono corresponsabili dell’intera comunità pastorale, anche se il loro servizio si rivolge ad uno o più ambiti riguardanti le persone o il territorio”.